La presenza dei Francescani ad Amandola è attestata da un documento del 1265. L’edificio riedificato nel 1313 è ad unica navata, termina con un’abside poligonale. Sulla facciata rettangolare si apre il portale di tipo lombardo; sull’architrave la scritta: “MCCCCXXIII FACTUM TEMPORE M.RI ANTON. (ius) EGIDIJ” che continua con “ANTON. (ius) (de) MILANO HOC OP. (us) FECIT”. Sul lato destro del presbiterio si apre l’originaria cappella dell’Annunciazione. Alcune tracce dell’originale decorazione pittorica si apprezzano sulla volta “a crociera” in cui sono raffigurati i quattro Evangelisti mentre sulla parete sinistra campeggia l’Annunciazione; a completare la superficie una Crocefissione. Il ciclo di affreschi, opera degli Sparapane da Norcia, risalgono al 1476. Nell’ abside campeggia l’imponente statua lignea scolpita del Cristo “Triunphans”. Proveniente dall’abbazia dei Ss. Vincenzo ed Anastasio è datato verso la fine del ‘200. Nel 2007, a seguito di restauro, sono riapparsi due stupendi affreschi del XV sec.

Historart per il sisma
Attrazioni simili